Archivi categoria: Prestiti

Carte di credito con cashback: come funzionano e quali sono le migliori?

Sicuramente avrai già sentito parlare della rapida diffusione delle carte cashback, che banche ed enti finanziari hanno cercato di pubblicizzare in tutti i modi, di modo tale da aumentare la loro popolarità.

Ma cosa significa veramente avere una carta di credito con cashback? Come funzionano questo tipo di carte e che tipo di acquisti si possono fare?

A queste, ed altre domande, abbiamo cercato di rispondere noi oggi nel più chiaro dei modi, di modo tale da darti un quadro della situazione dettagliato, e permetterti di fare la scelta che più soddisfi le tue esigenze; iniziamo subito!

Carte di credito con cashback, come funzionano?

Cominciamo subito con il dirti che il cashback (leggi questo articolo per saperne di più a riguardo) è un servizio aggiuntivo della carta, e che di conseguenza non ne limita il funzionamento o le operazioni che è possibile eseguire.

Questo servizio non è però attivabile su qualsiasi tipo di carta, motivo per cui bisogna assicurarsi che la carta di credito scelta offra il cashback. Qualora la carta scelta dovesse risultare idonea, sarà possibile ottenere un ritorno del denaro dagli acquisti in particolari negozi.

Hai capito bene, ogni singolo acquisto effettuato ti darà diritto ad una percentuale di cashback, ovvero di ritorno del denaro direttamente sulla tua carta.

Ovviamente non sarà possibile richiedere il ritorno del denaro dopo un singolo acquisto, bensì sarà necessario raggiungere una somma minima di cashback.

Possiamo quindi affermare che chi possiede una carta abilitata a questo servizio è in grado di risparmiare cifre anche interessanti durante il corso dell’anno, sopratutto se è solito acquistare merce da più negozi diversi.

Quali sono le migliori carte cashback?

 

Se la funzione ti risulta particolarmente interessante, e hai anche tu voglia di iniziare a risparmiare e veder letteralmente tornare indietro parte del tuo denaro, non puoi perderti le migliori carte cashback del momento, ognuna con caratteristiche e funzionalità diverse.

Carta Hype

Il primo posto in classifica se lo aggiudica senza ombra di dubbio la carta prepagata Hype, disponibile sia in versione gratuita che a pagamento. Questa carta, appartenente a Banca Sella, ha letteralmente conquistato migliaia di giovani italiani, avviando collaborazioni di cashback con molti negozi e servizi. La lista di negozi che mettono a disposizione il cashback in Hype è davvero lunga e diversificata. Partendo da famosi negozi per la vendita di cellulari e pc come Unieuro e Mediaworld, fino ad ecommerce online, compagnie assicurative e servizi di gas e luce. Potrete ottenere cashback anche da una semplice ricarica al cellulare, qualunque sia il vostro operatore telefonico! L’attivazione della carta si fa completamente online, e nel giro di pochi giorni la riceverai direttamente a casa tua.

Revolut Metal

Un’altra interessante alternativa per il cashback è data da Revolut Metal, distribuita dal Regno Unito in tutta Europa. Facendo acquisti presso i negozi abilitati potrete ottenere fino allo 0,1% di cashback, percentuale che aumenta considerevolmente fuori dall’Unione Europea. Eseguendo l’attivazione online riceverai inoltre un buono regalo di ben 10 euro, che potrai spendere liberamente online o nei negozi fisici. Questa carta è dotata anche di altre interessanti funzioni, che possono rivelarsi molto utili sopratutto ai viaggiatori; conversione istantanea del denaro, blocco immediato dei servizi e tanto altro ancora, la renderanno la tua compagna perfetta di avventure.

Curve

 

Curve non è una vera e propria carta nel senso classico del termine, ma un portafoglio virtuale con cui gestire vari metodi di pagamento in modo semplice e intuitivo. In pratica, un po’ come con un conto PayPal, è possibile collegare varie carte e decidere, al momento del pagamento, quale metodo utilizzare per concludere l’acquisto. Curve appartiene al circuito Mastercard ma supporta anche pagamenti VISA, e propone un interessante programma cashback con accredito dell’1% sulle spese sostenute presso gli esercizi commerciali che aderiscono al programma. Se vuoi approfondire, qui puoi trovare maggiori informazioni sulla carta Curve.

Carta Pass

Per le famiglie suggeriamo invece Carta Pass, progettata dal famoso brand alimentare Carrefour e distribuita in tutto il mondo. Non lasciatevi ingannare dal nome, nonostante sia stata creata da Carrefour, è una normalissima carta di credito che permette di prelevare i propri contanti, fare acquisti online e inviare soldi in pochi click; certo è che acquistando presso le catene alimentari della compagnia il ritorno di denaro sarà maggiore, ma sono comunque presenti anche molti altri store. Qualora vorresti anche utilizzare un metodo di pagamento diverso, che non necessiti più la presenza fissa della carta, potrai abbinarla ad Apple Pay. Apple Pay ti permetterà di registrare la carta e pagare in qualsiasi negozio semplicemente avvicinando il tuo cellulare al lettore Pos, in maniera veloce e sicura!

Questo articolo è stato pubblicato in Prestiti il da .

Quali sono le differenze tra carta di credito per privati e aziende?

Le carte di credito rappresentano oggi il metodo di pagamento più veloce e diffuso in Italia e in tutto il mondo. Queste, infatti, permettono di pagare qualsiasi cosa in completa sicurezza, considerando che consentono alle banche di tracciare i movimenti di denaro.

Il pagamento, dunque, verrà segnalato e archiviato in modo che il proprietario della carta possa rendersi conto di tutte le transazioni effettuate. Per fare ciò, le banche mettono a disposizione delle piattaforme online in cui consultare tutti i movimenti bancari.

Questo fattore rappresenta certamente una sicurezza maggiore in quanto potreste difendervi nel caso in cui il creditore dovesse dire che non avete pagato. Ciò con i soldi contanti non potrebbe avvenire, a meno che non siate in possesso di una ricevuta scritta su carta.

In ogni caso, data la loro importanza, esistono varie tipologie di carte di credito per privati offerte dalle banche e queste comportano diversi vantaggi a seconda delle offerte scelte. Ovviamente il privato dovrà fornire una garanzia patrimoniale per sottoscrivere la carta e poi usufruirne.

La scelta è davvero ampia e per questo bisogna tenere presente le varie caratteristiche e funzionalità messe a disposizione dalla banca stessa. Le carte di credito per privati si differenziano da quelle dedicate alle aziende.

Carte di credito per aziende

Le carte di credito per aziende sono differenti rispetto a quelle apposite per i privati. Non a caso, con il passare del tempo sono diventati degli strumenti indispensabili per gli imprenditori grazie ai motivi espressi prima e a tanti altri.

Alcune carte business, infatti, permettono di effettuare l’addebito in maniera posticipata senza particolari commissioni. I canoni di utilizzo, inoltre, sono particolarmente vantaggiosi ed evitano di gravare ulteriormente sulle imprese. Infine, alcune permettono addirittura di dotarsi di assicurazioni gratuite.

Ovviamente anche in questo caso la banca richiede delle garanzie prima di rilasciare la carta, ma ciò può dipendere anche dal tipo di carta che si sceglie, ovvero quella prepagata oppure quella che accredita direttamente i pagamenti.
Nell’effettuare la scelta della carta, comunque, anche in questo caso è opportuno tenere presente i vantaggi offerti dalla banca stessa, oltre che il circuito a cui questa si appoggia. In questo modo capirete se sarà possibile usare la carta anche all’estero, comodità da non sottovalutare per un imprenditore.
Vediamo di seguito quali sono le differenze tra una carta di credito per privati e una per aziende.

Differenze tra carte di credito per privati e aziende

Sostanzialmente le differenze sono davvero poche in quanto l’utilità della carte rimane sempre la stessa sia per i privati che per le aziende. Entrambi, infatti, potranno visionare i propri movimenti bancari sulle rispettive piattaforme online in modo da migliorare la propria gestione economica dell’azienda.

La differenza tra le due tipologie potrebbe essere trovata, più che altro, nei vantaggi offerti dalle varie banche che offrono queste varie tipologie. Molti, infatti, cercano di privilegiare le aziende dando anche la possibilità di ottenere addebiti sulla carta in maniera posticipata, vantaggio da non sottovalutare.
Un’altra differenza, invece, risiede anche nel tipo di garanzia che il debitore della banca dovrà offrire a quest’ultima per ottenere le carte di credito o debito. Ovviamente, alcune banche fanno in modo che più il patrimonio aziendale è alto, più la carta sarà vantaggiosa per il cliente stesso.

Infine, le carte aziendali permettono anche di archiviare e quindi conservare le varie fatture emesse, in modo da avere una più ampia visione della gestione del proprio business. Ciò ovviamente non si può ottenere con semplici carte di credito normali.

Per approfondire quale carta di credito è più adatta alle costre esigenze visitare: https://www.dinersclub.it/carte-di-credito-privati/

Questo articolo è stato pubblicato in Prestiti il da .
imm guest prestitionline24 (2)_800x424

Prestiti senza busta paga in 24 ore: come trovarli online

Al giorno d’oggi, per fortuna di molti, ci sono i prestiti senza busta paga richiedibili anche per via telematica semplicemente con la sola clausola del garante. Un bene immobile o un amico disponibile a firmare assieme a voi o semplicemente dei beni preziosi, possono rivelarsi fondamentali per ricevere il denaro del quale necessitate in poco tempo e direttamente sul vostro conto corrente. Ecco a cosa facciamo riferimento quando parliamo di prestiti senza busta paga, dei quali a seguire troverete una panoramica dettagliata.

Prestiti senza busta paga: quali garanzie servono ai fini dell’accettazione

Partendo dal presupposto che in genere i prestiti dedicati ai non possessori di busta paga non sono eccessivi nella loro quantità di denaro, possono fare affidamento agli istituti finanziari che li elargiscono le seguenti categorie: casalinghe, disoccupati, studenti o anche semplicemente lavoratori autonomi. Le tipologie differenti di garanti che la banca potrebbe richiedere appartengono a vari gruppi; vi sono infatti le cosiddette garanzie fisiche, ossia l’affidamento del proprio finanziamento in caso di mancata possibilità di restituire il denaro percepito a persone come ad esempio i genitori dell’intestatario del prestito, oppure qualsiasi altro membro della famiglia che dovrà sopperire e colmare le lacune economiche lasciate dal richiedente il prestito. Vi sono poi anche garanzie materiali di grande valore, come ad esempio l’ipoteca su un terreno agricolo, sulla prima o sulla seconda abitazione, sull’autovettura o su altri veicoli come barche o moto, e in caso di mancato pagamento di qualche rata mensile sarà ovviamente la banca a mettere in vendita all’asta il bene utilizzato come garanzia per adempiere in qualche modo agli obblighi economici del finanziamento.

Per i prestiti di piccole dimensione, meglio dire i mini-prestiti, spesso gli istituti finanziari tendono anche ad accettare la messa in ipoteca di piccoli beni preziosi di medio valore, il che vale a dire: anelli, bracciali, collane, orecchini o addirittura quadri o opere d’arte di estremo valore. Anche in questo caso, tutta la merce messa in garanzia verrà appunto rivenduta al miglior offerente in caso di mancato rispetto dei pagamenti rateali alla fine del mese. Infine poi, un’altra tipologia di garanzia è quella rappresentata dalle polizze, clausola obbligatoria quando i prestiti sono destinati ai pensionati, perché in tal caso all’ammontare della rata mensile andrà aggiunta anche una percentuale relativa all’assicurazione sulla vita della quale l’intestatario del prestito si farà carico. In caso di decesso della figura in questione, sarà l’assicurazione fino ad allora maturata a ricoprire il mancato pagamento della rate del prestito. Vi sono infine casi eccezionali di prestiti concessi anche senza garanzia per altre ragioni, e sono il cosiddetto prestito d’onore riservato a hi sceglie di aprire un’impresa con finanziamenti a fondo perduto, o ancora i prestiti per studenti, riservati solo ai giovani intenti nel proseguire il loro percorso di studi.

Come ottenere un prestito senza busta paga veloce online in 24 ore

Passiamo adesso a soffermarci sul come va avviata la richiesta dei prestiti senza busta paga con versamento in 24 ore e lo facciamo grazie al supporto del blog prestiti online 24 dove sono spiegati quali sono i migliori istituti finanziari ai quali è possibile fare affidamento per ricevere l’approvazione della domanda.

Attualmente la maniera più facile e veloce di ottenere un prestito senza busta paga è quella di rivolgersi al Prestito Evolution Special Cash di Poste Italiane, che vi permette di ottenere in un giorno lavorativo fino ad un massimo di due mila euro direttamente sul vostro conto corrente postale. Il finanziamento lo potrete richiedere direttamente online dal sito ufficiale delle poste e compilando l’apposito form che trovate in fondo alla pagina dedicata a questo prestito. Potrete restituire ad esempio la cifra di 1500 euro in una durata massima di due anni, e in questo caso il più delle volte non viene nemmeno richiesta la presenza di un garante vista la cifra irrisoria del finanziamento. La stessa cosa vale se decidete di rivolgervi alla Compass e ottenere un prestito in pochi giorni per via telematica anche non possedete  una busta paga. Si chiama micro prestito la soluzione che fa letteralmente al caso vostro e che sarà in grado di farvi ricavare il denaro del quale necessitate. In questo caso la Compass impone il pagamento di piccole rate che partono da cinquanta ed arrivano fino ad un massimo di cento euro. A differenza del prestito ottenibile dalle Poste Italiane che era privo di tassi aggiuntivi, in questo caso bisognerà considerare i seguenti tassi di interesse: TAN fisso al 16.00%e TAEG al 23,30%.

Un’altra soluzione possibile infine, per i lavoratori senza busta paga che intendono percepire una somma di denaro in prestito, è  quella di rivolgersi alla Agos, un’altra importate azienda finanziaria che mette a disposizione dei propri clienti dei piccoli prestiti flessibili semplicemente attraverso l’acquisto delle cosiddette carte revolving, delle carte contenenti la somma di denaro richiesta da rimborsare poi a rate da concordare con un addetto Agos a seconda delle vostre esigenze e necessità economiche. Non è esclusa da questa selezione neppure la banca Unicredit, che ad esempio vi da la possibilità di ricevere sul vostro conto corrente la somma pari a tre mila euro, lasciando delle piccole garanzie e non possedendo la busta paga. La somma poi potrete decidere se restituirla in 18 o 24 mensilità. Anche in questo caso bisognerà considerare i seguenti tassi di interesse: TAN fisso al 14.00%e TAEG al 18,00%. Come avete potuto vedere sono molteplici le soluzioni che le banche mettono a disposizione dei clienti che necessitano di somme di denaro piccole o comunque di medio valore, ma che non sono però in possesso di quello che per molti istituti di finanziamento è ritenuto il requisito fondamentale ovvero il possesso della busta paga. Riuscendo ad utilizzare come garanzia un piccolo bene avrete dunque l’opportunità di ricavare il denaro del quale necessitate e tutto in poche ore e semplicemente online e sarete voi a stabilire l’ammontare della rata mensile che predisporrete alla banca nei successivi pagamenti.

Questo articolo è stato pubblicato in Prestiti il da .